Ragazze lesbiche si sposano da sole perché i rispettivi genitori non hanno voluto assistere al loro matrimonio. Ma non ce n’è stato bisogno.

Le restrizioni dovute al COVID-19 hanno colpito molte persone. Da ristoranti e migliaia di lavori, a chi ha voluto celebrare il proprio matrimonio in grande stile. Come Chaya Milchtein e Jodyann Morgan, che si sono sposate nonostante non abbiano potuto invitare i loro cari più stretti.

Si è trattato di un matrimonio semplice ed intimo, dato che le loro famiglie non hanno voluto accompagnarle.

Chaya è un’insegnante, scrittrice e oratrice di Milwaukee che quattro anni fa ha incontrato Jodyann, un’addetta alla sicurezza di New York. Dopo aver aggiunto un gatto e una tartaruga alla loro unione, si sono trasferite a Milwaukee (la città natale di Chaya) e hanno affittato una bellissima casa su Airbnb in mezzo alla natura.

Danielle Lawson / Natural Nerd Designs

Hanno pianificato il loro matrimonio in largo anticipo, ma il COVID-19 non ha permesso loro ricevere il numero di ospiti che avevano in mente. Hanno quindi deciso di organizzare una cerimonia meno stravagante, ma le rispettive famiglie hanno deciso di non accettare l’invito. Fisicamente al matrimonio non c’è stato nessuno, ma via web sí: 10.000 persone hanno assistito alla cerimonia virtuale dopo aver sentito la loro storia.

“Ci siamo sposate ad Indianapolis non perché fosse una città vicina ai nostri cuori, ma piuttosto perché si trattava di un posto dove avremmo potuto avventurarci in sicurezza. Il nostro matrimonio si è svolto in un bellissimo Airbnb, con un cortile sul fiume Blanco, dove si è svolta la cerimonia. Solo i nostri fornitori di nozze ci hanno viste quel giorno, con le mascherine, ovviamente.”

Ha detto Chaya Milchtein a Metro UK

Danielle Lawson / Natural Nerd Designs

Una donna queer plus-size ha fatto da presentatrice, del trucco e i fiori se n’è incaricata una donna LGBTQ+.

““Dal momento che non avevamo molte persone su cui concentrarci, abbiamo dedicato più tempo ai dettagli, collaborando con venditrici queer, nere e plus-size, con l’obbiettivo di organizzare una cerimonia davvero unica e bellissima. Nessuno dei nostri genitori era interessato a festeggiare con noi, e Morgan voleva solo andare a Las Vegas e sposarci lì. Io, d’altra parte, volevo una cerimonia più comunitaria.”

Ha raccontato Chaya Milchtein a Metro UK

Danielle Lawson / Natural Nerd Designs

Ecco la dimostrazione che se c’è amore, non hai bisogno d’altro.